REGOLAMENTO DI ISTITUTO

Il REGOLAMENTO DI ISTITUTO, integrato con lo “Statuto delle Studentesse e degli Studenti della Scuola Secondaria”.

Il presente regolamento e' conforme ai principi e alle norme del D.P.R. 10 ottobre 567/1996 e sue modifiche e integrazioni, dello “Statuto delle Studentesse e degli Studenti” emanato con il D.P.R. 24 giugno 1998, n.249 e modificato dal D.P.R. 21 novembre 2007, n. 235 regolamento recante modifiche ed integrazioni al decreto del Presidente della Repubblica, del Regolamento dell’Autonomia delle Istituzioni scolastiche, emanato con il D.P.R. 275/1999 E’ coerente e funzionale al Piano dell’Offerta Formativa adottato dall’Istituto. Sono previsti dei documenti aggiuntivi per regolamentare singole discipline di rilevanza interna all’istituto quali: regolamenti specifici per l’utilizzo degli spazi attrezzati, procedure attuative.

PRINCIPI GENERALI

Le norme del regolamento interno del Liceo rispecchiano nella comunità scolastica le finalità democratiche della Costituzione, nel rispetto delle vigenti leggi.
L’Istituto:
- assicura l'uguaglianza di trattamento nell'erogazione del servizio scolastico, senza discriminazione alcuna per motivi riguardanti sesso, razza, etnia, lingua, religione, opinioni politiche, condizioni psico-fisiche e socioeconomiche;
- favorisce l'accoglienza, l'inserimento, l'integrazione degli alunni con particolare riguardo alla fase d'ingresso alla classe iniziale ed alle situazioni di rilevante necessità. Particolare impegno sarà pure prestato per la soluzione dei problemi relativi alla integrazione degli studenti stranieri comunitari ed extracomunitari;
- promuove la collaborazione di tutte le componenti (Studenti, Genitori, Dirigente, Docenti, Non Docenti, Enti Locali, Associazioni, Servizi territoriali istituzionali e non) affinché la scuola sia sempre più centro di promozione culturale, sociale e civile. La gestione partecipata della scuola si svolge nell'ambito degli Organi Collegiali e delle procedure previste dalla vigente normativa;
- consente , tramite apposite convenzioni con Enti Pubblici o Associazioni, l'utilizzo degli edifici e delle attrezzature (fuori dell'orario di servizio scolastico) per iniziative che hanno evidente valore educativo;
- intende ispirare la propria attività al patto formativo di corresponsabilità che garantisce il processo di apprendimento, l’acquisizione delle conoscenze e lo sviluppo della coscienza critica degli studenti, per migliorare la qualità, la trasparenza, la efficienza , l'efficacia , la flessibilità, la collegialità, la partecipazione attiva nella organizzazione del lavoro;
- organizza le modalità di aggiornamento di tutto il personale della scuola nella consapevolezza che esso costituisce al tempo stesso diritto e dovere;
- incentra la propria attività sulla programmazione che deve garantire la formazione dello studente, facilitandone l’apprendimento e lo sviluppo armonico della personalità nel rispetto degli obiettivi formativi nazionali, generali e specifici, aperta al rinnovamento didattico-metodologico e ad iniziative di sperimentazione che tengano conto delle esigenze degli studenti, nel pieno rispetto della libertà d'insegnamento e nell’ambito della legislazione vigente.
Ogni componente si impegna ad osservare e a far osservare il presente regolamento, che e' adottato dal Consiglio di Istituto, ai sensi dell’art. 10.3, comma a, del D. Lgs. 297/1994 ed ha pertanto carattere vincolante.
Il presente Regolamento può essere modificato dal Consiglio di Istituto, secondo le modalità previste dallo Statuto delle Studentesse e degli Studenti, anche su proposta delle singole componenti scolastiche e degli organi collegiali.

 PARTE I.

 LIBERTA’ DI ESPRESSIONE E DI ASSEMBLEA DEGLI STUDENTI E DEI GENITORI

Art. 1 – Libertà di espressione

1.Bacheca alunni (cfr. art. 2 comma 4 dello Statuto degli Studenti e Studentesse)
Gli studenti, come le altre componenti della comunità scolastica hanno facoltà di manifestare il proprio pensiero con la parola e gli scritti e possono nell’ambito dell’Istituto e negli spazi approvati e a ciò riservati esporre i fogli, i cartelli e gli avvisi che siano testimonianza della loro partecipazione alla vita della scuola e della società civile. L’uso degli spazi disponibili deve salvaguardare il diritto di tutte le componenti, in modo da garantire il pluralismo e pluralità delle espressioni. Tali fogli, cartelli, avvisi, manifesti ecc. devono portare la data e la firma leggibile di chi li espone e sono affissi sotto la responsabilità di chi li affigge. Uno dei rappresentanti degli studenti nel Consiglio di Istituto provvederà a siglare il documento da affiggere. Il Dirigente può tuttavia disporre che sia tolto dall’albo un documento che egli giudichi incompatibile con le norme del presente regolamento o con le norme e le regole democratiche oltre che in contrasto con le finalità formative della scuola. In tal caso, il responsabile degli studenti può appellarsi all’organo di garanzia.
E’ vietata la distribuzione di volantini, giornali, manifesti e stampati in genere all’interno dell’istituto senza autorizzazione del Dirigente.

2. Bacheca genitori
I genitori, come le altre componenti della comunità scolastica, hanno la facoltà di manifestare il proprio pensiero con le parole e gli scritti e possono, nell’ambito dell’Istituto e negli spazi a ciò riservati, esporre i fogli, i cartelli e gli avvisi che siano testimonianza della loro partecipazione alla vita della scuola e della società civile. Per l’esposizione di tali fogli, avvisi, manifesti, ecc. valgono le stesse indicazioni dell’ultimo capoverso del precedente comma.

Art. 2 – Assemblea degli studenti (cfr. art. 2 comma 9 dello Statuto degli Studenti e Studentesse)

1. Definizione di assemblea

Le Assemblee studentesche nella scuola secondaria superiore costituiscono occasione di partecipazione democratica e sono finalizzate alla formazione culturale e civile degli studenti; consentono la riflessione, lo studio, l’approfondimento, il confronto sui problemi della scuola e della società. Le Assemblee studentesche possono essere di classe o di Istituto. In relazione al numero degli alunni ed alla disponibilità dei locali d’Istituto può articolarsi in assemblee di corsi o di classi parallele. I rappresentanti degli studenti nei consigli di classe possono esprimere un Comitato studentesco, che ha la possibilità di richiedere riunioni fuori dell’orario delle lezioni. E’ consentito lo svolgimento di una Assemblea di Istituto e, per ciascuna classe, di un’Assemblea di Classe al mese, nel limite delle ore di lezione di una giornata la prima e di due ore (anche frazionabili) la seconda.

2 . Disciplina sullo svolgimento delle assemblee

L’assemblea di Classe non può essere tenuta sempre nello stesso giorno della settimana durante l’anno scolastico. Altra assemblea mensile può svolgersi fuori dall’orario delle lezioni, subordinatamente alla disponibilità dei locali. Alle Assemblee di Istituto svolte durante le lezioni, ed in numero non superiore a sei, può essere richiesta la partecipazione di esperti di temi e questioni sociali, culturali, nel campo dell’arte, della scienza, della tecnologia, indicati dagli studenti unitamente agli argomenti da inserire nell’ordine del giorno. A richiesta degli studenti, le ore destinate alle assemblee possono essere utilizzate per lo svolgimento di attività di ricerca, di seminario e per lavori di gruppo. Non possono aver luogo assemblee nell’ultimo mese di lezione. All’assemblea di istituto possono assistere, oltre al Dirigente od un suo delegato che vigilano sull’ordinato svolgimento, gli insegnanti che lo desiderano, i quali possono prendere la parola nel corso dell’assemblea, se richiesto dagli studenti. L’insegnante in servizio è tenuto ad esercitare la normale vigilanza durante le assemblee di classe. La scuola garantisce e disciplina l’esercizio del diritto di associazione al suo interno, nonché il diritto degli studenti singoli o associati a svolgere iniziative all’interno dell’istituto, anche attraverso la concessione d’uso dei locali secondo i criteri previsti dall’art. 4.

3. Funzionamento dell’assemblea di Istituto

Per il proprio funzionamento l’assemblea di Istituto deve darsi un regolamento che viene inviato in visione al Consiglio d’Istituto.  L’assemblea di Istituto è convocata su richiesta della maggioranza del comitato studentesco di istituto o del 10% degli studenti. La data di convocazione e l’ordine del giorno dell’assemblea devono essere preventivamente presentati al Dirigente. Tale richiesta deve essere presentata con almeno cinque giorni di anticipo, salvo casi straordinari. Il comitato studentesco, ove costituito, o il presidente eletto dall’assemblea garantisce l’esercizio democratico dei diritti dei partecipanti. Di ciascuna assemblea deve essere sempre redatto un regolare verbale, firmato dal presidente e dal segretario dell’assemblea. Il Dirigente ha il potere di intervenire nel caso di violazione del regolamento o in caso di constatata impossibilità di ordinato svolgimento dell’assemblea. In caso di sospensione dell’assemblea prima del termine delle lezioni, gli studenti sono tenuti a riprendere regolarmente le lezioni. Gli studenti eletti come rappresentanti di classe possono inoltre costituire un Comitato degli Studenti dell’Istituto, presieduto da un rappresentante nel Consiglio di Istituto. Le riunioni di detto Comitato possono svolgersi o al di fuori dell’orario di lezione o anche in orario di lezione, su autorizzazione del Dirigente; queste ultime riunioni non possono superare il monte ore complessivo di 10 ore in ciascun anno scolastico. Il Dirigente può presenziare alle riunioni. Il Comitato potrà riunirsi nei locali della scuola previa domanda scritta, inoltrata dallo studente rappresentante del Consiglio d’Istituto eletto suo presidente e fatta pervenire almeno cinque giorni prima, al Dirigente.

4. Formazione autonoma di gruppi di studio (cfr. art. 2 comma 10 dello Statuto degli Studenti e Studentesse)

I gruppi di studio fuori dall’orario scolastico possono svolgersi con la necessaria assistenza e/o partecipazione del personale docente e non docente disponibile. La scuola mette a disposizione degli alunni, nei giorni di apertura della scuola, un’aula per lo svolgimento di attività parascolastiche. Su richiesta degli interessati, altre aule potranno essere messe a disposizione per gruppi di studio. La richiesta delle aule deve essere avanzata a cura dei rappresentanti degli studenti, che formuleranno un calendario delle attività dei gruppi di studio, da presentare al Dirigente per motivi organizzativi. Occorre l’indicazione nominativa di un docente responsabile e del numero dei partecipanti previsti per ogni gruppo; i gruppi possono accedere alle aule loro assegnate soltanto in presenza dei responsabili. L’assegnazione delle aule sarà subordinata all’indispensabile servizio di pulizia e manutenzione dei locali. Nel caso di richieste di gruppi di studio che prevedano la presenza di esperti esterni alla scuola, è necessaria l’autorizzazione del Dirigente. Al termine di ciascun incontro, i partecipanti devono provvedere al riordino o riassetto delle aule utilizzate. Il decoro dell’ambiente e la conservazione delle sue suppellettili sono affidate alla cura ed alla responsabilità degli utenti che ne rispondono singolarmente.

Art. 3 – Assemblea dei genitori

Le Assemblee dei genitori possono essere di classe o di istituto:

1. Assemblee di Classe
E’ possibile richiedere delle assemblee di classe, aperte a tutti i genitori, presentando al Dirigente le relative domande almeno una settimana prima della data prevista, indicando il giorno, l’orario e l’ordine del giorno della riunione. Le domande devono essere firmate dai genitori rappresentanti di classe o dalla maggioranza dei genitori della classe. Ottenuta l’autorizzazione del Dirigente, i richiedenti genitori comunicheranno ai restanti genitori la data, l’orario e l’ordine di giorno concordati. Alle assemblee di classe possono partecipare, su richiesta dei genitori, il Dirigente, i Docenti e gli studenti della classe.

2. Assemblea di Istituto
L’Assemblea di Istituto nei locali della scuola è convocata su richiesta del presidente dell’assemblea, ove sia stato eletto, o dalla maggioranza del comitato dei genitori, oppure qualora la richiedano 100 genitori negli istituti con popolazione scolastica fino a 500, 200 negli istituti con popolazione scolastica fino a 1000, 300 negli altri. La data e l’orario di convocazione di ciascuna assemblea devono essere concordate di volta in volta con il Dirigente. Il Dirigente, sentita la giunta esecutiva del Consiglio di Istituto, autorizza la convocazione e i genitori promotori ne danno comunicazione mediante affissione all’albo, rendendo noto anche l’ordine del giorno. L’assemblea si svolge fuori dall’orario delle lezioni. L’assemblea dei genitori per il proprio funzionamento deve dotarsi di un regolamento, che viene inviato in visione al Consiglio di Istituto. In relazione al numero dei partecipanti e alla disponibilità dei locali, l’assemblea di istituto può articolarsi in assemblea di classi parallele. All’Assemblea di Istituto possono partecipare con diritto di parola il Dirigente e gli insegnanti dell’istituto. I genitori eletti come rappresentanti di classe possono inoltre costituire un Comitato dei Genitori dell’Istituto, presieduto dal Presidente del Consiglio di Istituto, che si darà un proprio regolamento. Alle sedute del Comitato possono partecipare tutti i genitori interessati; esso potrà riunirsi nei locali della scuola previa domanda scritta, fatta pervenire almeno cinque giorni prima, al Dirigente e al Consiglio di Istituto.

PARTE II.

COMPORTAMENTO DEGLI STUDENTI NELL’ISTITUTO

Art.4 – Comportamento corretto (cfr. art. 3 comma 2 e 3 dello Statuto degli Studenti e Studentesse)

Gli studenti sono tenuti ad assumere nei confronti del Dirigente Scolastico, dei docenti e non docenti il rispetto anche formale delle norme di buona educazione. Sono chiamati a partecipare al dialogo educativo, ad essere corretti, puntuali, fedeli agli impegni, a dare un costruttivo apporto alla vita scolastica, a intervenire puntualmente alle lezioni. Nei cinque minuti che precedono l’inizio delle lezioni, ore 7.50-7.55, segnalato dal suono della campanella, gli studenti si recano nelle aule, dove trovano già presenti i docenti. Sono tenuti a mantenere un comportamento corretto sia nelle ore di lezione che durante l’intervallo (10,45 – 11,00; 12,55 – 13,00,), in cui possono recarsi nei corridoi.
Gli studenti sono tenuti inoltre ad osservare, come anche le altre componenti e i genitori ammessi nell’edificio, le norme vigenti sull’assoluto divieto di fumare in tutti gli ambienti scolastici. Tale divieto vale anche all’esterno e cioè nelle aree di pertinenza della scuola, il fumare è comportamento dannoso anche sul piano educativo. I trasgressori saranno puniti con la sanzione amministrativa come previsto dalla Legge n.3 del 16 gennaio 2003 da parte dei delegati del Dirigente addetti alla vigilanza, è altresì prevista la sanzione disciplinare con conseguenze sulla valutazione del comportamento sul corretto uso dei telefoni cellulari: la necessità di comunicare con l’esterno, durante la presenza a scuola,deve essere motivata e per questi stessi motivi, va usato l’apparecchio telefonico di cui dispongono tutti i Plessi scolastici).

Art.5 – Corretto uso delle strutture scolastiche (cfr. art.3 comma 5 dello Statuto degli Studenti e Studentesse)

Gli studenti condividono la responsabilità di rendere accogliente l’ambiente scolastico e averne cura come essenziale fattore di qualità della vita della scuola. Ogni studente è tenuto a conservare con cura il proprio posto di lavoro, gli arredi presenti in aula e in tutti i luoghi in cui si svolge l’attività scolastica. Le attrezzature e gli strumenti della scuola sono a disposizione di tutte le componenti scolastiche che li utilizzano responsabilmente. Chiunque danneggi, asporti o distrugga le attrezzature scolastiche è tenuto al risarcimento materiale del danno, ferme restando le eventuali responsabilità disciplinari e penali. Qualora risulti impossibile individuare le responsabilità del danno, potrà essere richiesto di risarcire collettivamente il danno stesso a tutti coloro che hanno utilizzato ciò che è stato danneggiato.

Art.6 – Osservanza delle disposizioni di sicurezza e assicurazione infortuni (cfr.art.3 comma 4 dello Statuto degli Studenti e Studentesse)

Tutti gli studenti devono essere assicurati contro gli infortuni e per la responsabilità civile sin dal primo giorno di scuola; la verifica effettiva dell’osservanza a tale norma spetta al Consiglio di Istituto Per ogni allievo è prevista la copertura assicurativa per infortunio e responsabilità civile per le normali attività didattiche e per quelle previste dal POF, tramite polizza convenzionata tra l’Istituto e un’Assicurazione, il cui premio sarà versato all’inizio di ogni anno scolastico . Per le attività sportive parascolastiche il Dirigente si dovrà far carico, oltre che dell’adeguata assicurazione, di richiedere il preventivo controllo medico di idoneità, eventualmente mediante delega al Docente referente dei gruppi sportivi. In caso di infortunio di qualsiasi tipo, sia nelle aule che in palestra, l’allievo interessato, insieme all’insegnante alla presenza del quale è avvenuto l’infortunio, deve comunicare immediatamente il fatto alla Dirigenza che deve tempestivamente presentare la denuncia, perciò si chiede ai Genitori di consegnare al più presto alla Segreteria della scuola eventuali riscontri medici o di Pronto Soccorso. La scuola declina ogni responsabilità per la mancata osservanza di questa disposizione.

Art.7 - Disciplina (art.4 commi 1-11 dello Statuto delle Studentesse e degli Studenti del 24 giugno 1998 n°249 e modificato dal D.P.R. 235 del 21 novembre 2007

1. I regolamenti delle singole istituzioni scolastiche individuano i comportamenti che configurano mancanze disciplinari con riferimento ai doveri elencati nell'articolo 3 del D.P.R 249/98, modificato e integrato dal DPR 235 del 21/11/2007, al corretto svolgimento dei rapporti all'interno della comunità scolastica e alle situazioni specifiche di ogni singola scuola, le relative sanzioni, gli organi competenti ad irrogarle e il relativo procedimento, secondo i criteri di seguito indicati.

2. I provvedimenti disciplinari hanno finalità educativa e tendono al rafforzamento del senso di responsabilità ed al ripristino di rapporti corretti all'interno della comunità scolastica, nonché al recupero dello studente attraverso attività di natura sociale, culturale ed in generale a vantaggio della comunità scolastica.

3. La responsabilità disciplinare è personale. Nessuno può essere sottoposto a sanzioni disciplinari senza essere stato prima invitato ad esporre le proprie ragioni. Nessuna infrazione disciplinare connessa al comportamento può influire sulla valutazione del profitto ( art. 4,comma 3, DPR 249).

4. In nessun caso può essere sanzionata, né direttamente né indirettamente, la libera espressione di opinioni correttamente manifestata e non lesiva dell'altrui personalità.

5. Le sanzioni sono sempre temporanee, proporzionate alla infrazione disciplinare e ispirate, per quanto possibile. al principio della riparazione del danno. Esse tengono conto della situazione personale dello studente, della gravità del comportamento e delle conseguenze che da esso derivano. Allo studente è sempre offerta la possibilità di convertirle in attività in favore della comunità scolastica.

6. Le sanzioni e i provvedimenti che comportano allontanamento dalla comunità scolastica sono riservate dal D.P.R. alla competenza del C.d.C. e del C.d.I. A seguito delle recenti modifiche normative. L’art. 4 comma 6 specifica: 1) le sanzioni che comportano l’allontanamento dalla comunità scolastica per un periodo inferiore a 15 giorni sono sempre adottate dal CONSIGLIO di CLASSE; 2) le sanzioni che comportano un allontanamento superiore a 15 giorni compresi l’allontanamento fino al termine delle lezioni con l’esclusione dallo scrutinio finale o la non ammissione all’esame di Stato conclusivo del corso di studi, sono sempre adottate dal Consiglio di Istituto. Il Consiglio di Classe quando esercita la competenza in materia disciplinare deve operare nella composizione allargata a tutte le componenti ( studenti e genitori) qualora lo studente sanzionato e o il genitore facciano parte dell’organo, questi dovranno astenersi ed eventualmente si  rovvederà a surroga.

8. Nei periodi di allontanamento non superiore a 15 giorni deve essere previsto, per quanto possibile, un rapporto con lo studente e con i suoi genitori tale da preparare il rientro nella comunità scolastica. Nei periodi di allontanamento superiori ai 15 giorni, in coordinamento con la famiglia e, ove necessario, anche con i servizi sociali e l’autorità giudiziaria, la scuola promuove un percorso di recupero educativo che miri all’inclusione, alla responsabilizzazione e al reintegro, ove possibile , nella comunità scolastica.

 9. L'allontanamento dello studente dalla comunità scolastica può essere disposto anche quando siano stati commessi reati che violano la dignità e il rispetto della persona umana o vi sia pericolo per l'incolumità delle persone. In tal caso in deroga al limite generale previsto dal comma 7, la durata dell'allontanamento è commisurata alla gravità del reato ovvero al permanere della situazione di pericolo.

9-bis. Nei casi di recidiva, di atti di violenza gravi tali da ingenerare elevato allarme sociale, ove non siano possibili interventi di reinserimento durante l’anno scolastico, la sanzione è costituita dall’allontanamento dalla comunità scolastica con l’esclusione dallo scrutinio finale o la non ammissione all’esame di Stato conclusivo del corso di studio, nei casi meno gravi, dal solo allontanamento fino al termine dell’anno scolastico.

9-ter. Le sanzioni disciplinari di cui al comma 6 e seguenti possono essere irrogate soltanto previa verifica della sussistenza di elementi concreti e precisi dai quali si desuma che l’infrazione disciplinare sia stata effettivamente commessa da parte dello studente incolpato.

10. Nei casi in cui l'autorità giudiziaria, i servizi sociali o la situazione obiettiva rappresentata dalla famiglia o dallo stesso studente sconsiglino il rientro nella comunità scolastica di appartenenza, allo studente è consentito di iscriversi, anche in corso d'anno, ad altra scuola.

11. Le sanzioni per le mancanze disciplinari commesse durante le sessioni d'esame sono inflitte dalla commissione di esame e sono applicabili anche ai candidati esterni.

Art.8 – Comportamenti che configurano mancanze disciplinari (cfr. art. 4 comma 1 dello Statuto degli Studenti e Studentesse) 

- Gli studenti devono mantenere un comportamento in classe adeguato all’ambiente di apprendimento e di formazione nel quale si trovano. Analogo corretto comportamento deve essere garantito in occasione delle iniziative promosse dalla scuola oppure alle quali la scuola aderisce, anche se realizzate esternamente all’edificio scolastico.

- Gli studenti devono frequentare regolarmente le lezioni. Di norma costituisce frequenza non regolare:
1. l’assenza non giustificata
2. il ritardo nell’ingresso o l’anticipo nell’uscita, quando diventino abituali e tali da compromettere l’attività didattico - educativa

- Gli studenti devono rispettare le norme organizzative contenute nel Regolamento d’Istituto e le norme di sicurezza dettate dal D.lgs 81 del 9 aprile 2008.
Sono vietate le uscite e le entrate al di fuori dell'orario previsto non regolamentate e autorizzate dal dirigente o da persone da lui delegate.    
- Gli studenti,da soli o in gruppo,non devono per nessun motivo ostacolare o impedire il regolare svolgimento dell’attività didattica perché in questo modo verrebbe leso il diritto allo studio dei loro compagni e verrebbe altresì recato danno all'istituzione scolastica. I responsabili pertanto incorrono nelle sanzioni disciplinari previste dal presente Regolamento e possono inoltre essere perseguiti ai sensi dell'art.340 del Codice Penale (Interruzione di pubblico servizio)
- Sono vietati agli studenti,da soli o in gruppo, a) la permanenza illecita nella scuola (oltre cioé gli orari stabiliti per le lezioni e le attività integrative o extrascolastiche programmate e deliberate dagli organi collegiali ed autorizzate dal dirigente scolastico); b) L'utilizzazione non autorizzata di aule assegnate alle classe o di spazi scolastici comuni come laboratori,palestre ecc.; c) L'accoglienza nei locali della scuola di persone ad essa estranee senza previa autorizzazione; d) L'allontanamento dalle attività in corso senza il permesso dei docenti.
- Gli studenti devono osservare il rispetto delle norme sulla sicurezza e sulla riservatezza. In particolare: a) Ogni tipo di attività all'interno dei locali della scuola deve avvenire in condizioni di sicurezza;in caso contrario essa non può essere autorizzata. b) Tutti sono tenuti al rispetto delle norme sulla riservatezza;nessuno può diffondere o comunicare attraverso qualsiasi mezzo di comunicazione i dati personali di altre persone senza aver prima informato adeguatamente le persone coinvolte ed averne ottenuto esplicito consenso.
- Gli studenti sono tenuti al massimo rispetto degli ambienti scolastici,degli arredi,delle attrezzature. Chiunque li danneggia è tenuto a risarcire la scuola e incorre nelle sanzioni disciplinari previste dal presente regolamento. Ogni studente è tenuto a fare quanto è nelle sue possibilità per impedire che un compagno danneggi i beni comuni e a invitare chi li ha eventualmente danneggiati ad assumersi le proprie responsabilità.
In quanto membri della comunità scolastica, gli studenti sono tenuti ad acquisire emantenere un comportamento fondato sul rispetto di tutti. Costituisce violazione di questo dovere una condotta che risulti comunque offensiva, nelle parole e negli atti, della persona e del ruolo professionale di chi appartiene all’ambiente formativo.
- Gli studenti non devono danneggiare il patrimonio della scuola, ma sono tenuti ad averne cura quale importante fattore di qualità della vita scolastica. Dei danni arrecati intenzionalmente risponde, anche in termini economici, lo studente responsabile. In osservanza dell’atto di indirizzo del Ministro della pubblica istruzione prot. n.30/Dip/Segr. del 15 marzo 2007 avente ad oggetto "Linee di indirizzo ed indicazioni in materia di utilizzo di telefoni cellulari e di altri dispositivi elettronici durante l’attività didattica, irrogazione di sanzioni disciplinari, dovere di vigilanza e di corresponsabilità deigenitori e dei docenti”; agli studenti non è consentito l’uso di tali dispositivi elettronici all’interno della scuola e nelle aule di lezione,a meno che esso non sia consentito da esplicito permesso del docente. L’inosservanza dell’obbligo comporta  provvedimenti disciplinari da parte dell’Istituto scolastico.
Per la valutazione del comportamento degli studenti si rimanda al D.M. n.5 del 16/ 01/ 09.

Art.9 – SANZIONI DISCIPLINARI (cfr. art.4 commi 2, 3, 4 dello Statuto degli Studenti e Studentesse)

1. Lo studente il cui comportamento configuri una mancanza disciplinare riceve, in proporzione alla gravità della mancanza, una delle seguenti sanzioni disciplinari:

Infrazioni disciplinari Sanzioni

Competenza

Frequente mancanza al dovere di puntualità, ritardi nella regolarizzazione delle assenze, comportamento negligente, disturbo dell’ordinato svolgimento delle lezioni e delle attività didattiche, abbigliamento inadeguato all’ambiente scolastico

Annotazione sul registro diclasse Docente

Ripetute mancanze ai doveri scolastici, già sanzionate da due segnalazioni scritte, violazione del regolamento d’Istituto, inosservanza delle regole di sicurezza, compromissione del regolare svolgimento dell'attività scolastica

Annotazione sul registro diclasse.
Convocazionedella famiglia.
Docente
Coordinatore di classe

Uso improprio dei videocellulari, Mp3, di qualsiasi apparecchiatura di registrazione audio e video e di fotografie digitali all’interno dell’istituto. Abuso di dati personali in violazione della legge sulla privacy. (Direttiva n° 104 del 30-11- 2007 M.p.I.)

Annotazione sul registro diclasse. Segnalazioneal Dirigentecomunicazione immediataalla famiglia, ritiro delmateriale e consegna allafamiglia.
Eventualesegnalazione alla Poliziapostale.Sospensione, a secondadella gravità, fino a 15giorni
Docente
Coordinatore di classe
Consiglio di classe

Infrazioni disciplinari già sanzionate da due segnalazioni, offese alla persona e al ruolo professionale del personale della scuola, offese ai compagni o alle loro famiglie, comportamenti o atti che offendano la personalità e le convinzioni degli altri studenti, atti di bullismo. Offese o minacce alle persone mediante l’utilizzo della rete telematica o dei social network, cyber bullismo. Danni arrecati volontariamente alla struttura scolastica, agli arredi e alle attrezzature

Allontanamentotemporaneo dallacomunità scolastica fino aun massimo di 15 giorni  Consiglio di Classe
(allargato allacomponentegenitori e studenti)

Violenza grave di interruzione di pubblico servizio. Atteggiamenti già visti. Gravi atti di bullismo. Uso o spaccio di sostanze psicotrope. Reati che violino la dignità e il rispetto della persona umana (ad es. violenza privata, minaccia, molestie, percosse, ingiurie, reati di natura sessuale) o che costituiscano pericolo per l’incolumità delle persone nonché allarme sociale (incendio o allagamento). Permanenza illecita nella scuola ed utilizzazione non autorizzata di aule assegnate alle classi o di quelle comuni. Allontanamento dalle attività in corso senza il permesso dei docenti. Consentire l'ingresso di persone estranee alla scuola.

Relazione scritta eimmediata comunicazioneal Dirigente, alla famiglia eall’autorità di PoliziaGiudiziaria.Allontanamento dellostudente dalla comunitàscolastica a secondo dellagravità fino a conclusionedell’anno scolastico e coneventuale esclusione dalloscrutinio finale e/o la nonammissione all’esame diStato. Consiglio di Istituto
Situazioni di recidiva nel caso di reati che violino la dignità o il rispetto per la persona umana. Atti di grave violenza o tali da determinare apprensionesociale. Mancato rispetto delle norme sulla sicurezza e sulla riservatezza. Danni agli ambienti e alle cose. Interruzione delle lezioni. Relazione scritta eimmediata comunicazioneal Dirigente, alla famiglia eall’autorità di PoliziaGiudiziaria.Allontanamento dellostudente dalla comunitàscolastica a secondo dellagravità fino a conclusionedell’anno scolastico e coneventuale esclusione dalloscrutinio finale e/o la nonammissione all’esame diStato. (Art. 4- comma 9bis) Consiglio di Istituto
Situazioni di ulteriore e maggiore gravità rispetto al punto precedente. Relazione scritta eimmediata comunicazioneal Dirigente, alla famiglia eall’autorità di PoliziaGiudiziaria.Allontanamento dellostudente dalla comunitàscolastica a secondo dellagravità fino a conclusionedell’anno scolastico e conesclusione dallo scrutiniofinale e/o la nonammissione all’esame diStato. (Art.4 comma 9 bise 9 ter) Consiglio di Istituto
Le sanzioni disciplinari possono essere applicate soltanto previa verifica, da parte dell’istituzione scolastica, della sussistenza di elementi concreti e precisi dai quali si evinca la responsabilità disciplinare dello studente.
Tenuto conto delle capacità e delle attitudini personali, allo studente viene sempre offerta la possibilità di convertire la sanzione disciplinare in attività in favore della comunità scolastica, quali ad esempio:
1. versamento di denaro per il ripristino del bene danneggiato.
2. attività manuali volte al ripristino di attrezzature, arredi, beni scolastici in genere, ingiustificatamente danneggiati;
3. lavori di riordino e sistemazione di materiali didattici dell’Istituto;
4. lavori di trascrizione e/o catalogazione di documenti scolastici;
5. attività nell’ambito delle iniziative di solidarietà e volontariato promosse dalla scuola;
6. lavori di ricerca eventualmente necessari all’organizzazione e all’attività didattica della
scuola;
In caso di danneggiamento agli arredi ed ai locali della classe e della scuola, potrà essere richiesto un contributo di solidarietà a tutta la classe, qualora non sia possibile individuare l’autore del danno.

Art.10 Organi competenti a deliberare le sanzioni disciplinari (cfr. art. 5 dello Statuto degli Studenti e Studentesse.

Gli organismi scolastici competenti a deliberare le sanzioni disciplinari sono i seguenti:i singoli Docenti, il Coordinatore di classe, il Consiglio di Classe o il Dirigente per la segnalazione o il richiamo scritto nel registro di classe il Consiglio di Classe, allargato ai rappresentanti degli studenti e dei genitori, per le sanzioni ed i provvedimenti che comportano l’allontanamento dalla comunità scolastica per un periodo inferiore a 15 giorni.
Il Consiglio di Istituto per le sanzioni ed i provvedimenti che comportano l’allontanamento dalla comunità scolastica superiore a 15 giorni compresi l’esclusione dallo scrutinio finale o la non ammissione all’Esame di Stato.
Gli organi competenti nello stabilire la sanzione devono tenere conto della natura della mancanza, della situazione in cui si è verificata e della storia personale dello studente.
L’organo competente ad applicare le punizioni di un dato grado può sempre infliggere quelle di grado più lieve.
In ottemperanza a quanto espresso nel comma 3 dell’art.4 dello Statuto degli studenti e cioè che “ nessuno può essere sottoposto a sanzioni disciplinari senza essere stato dapprima invitato ad esporre le proprie ragioni”, nel caso di ammonizione, censura o allontanamento temporaneo, lo studente, entro i due giorni successivi, può presentare giustificazione scritta all’organismo che ha deliberato la sanzione.
I provvedimenti adottati dal Consiglio di Classe saranno motivati nel verbale dello stesso e tale motivazione sarà comunicata alla famiglia dello studente, oppure direttamente allo studente se maggiorenne, in un apposito colloquio dal docente Coordinatore del Consiglio di Classe.

Art.11 Impugnazioni e ricorsi (cfr. l’art. 5 dello Statuto degli Studenti e Studentesse):

Contro le sanzioni disciplinari è ammesso ricorso entro 15 giorni ad un apposito organo di garanzia interno alla scuola istituito e disciplinato dai regolamenti delle scuole. L’Organo di Garanzia dovrà esprimersi nei successivi 10 giorni. Il REGOLAMENTO modificato dello Statuto così definisce la sua composizione. Nella scuola secondaria superiore – sempre presieduto dal Dirigente – si compone, di norma, da un docente designato dal Consiglio di Istituto, da un rappresentante eletto dagli studenti e da un rappresentante eletto dai genitori.
L’Organismo di garanzia dell’Istituto, è composto dal Dirigente, che lo presiede, da uno studente, un genitore e due docenti; gli studenti e i genitori sono designati annualmente dai propri rappresentanti nel Consiglio di Istituto, i docenti dal Collegio dei Docenti.
L’organo di garanzia resta in carica per due anni scolastici Patto educativo di corresponsabilità (Art. 5 bis dello Statuto). Contestualmente all’iscrizione alla singola istituzione scolastica, è richiesta la sottoscrizione da parte dei genitori e degli studenti di un Patto educativo di
corresponsabilità, finalizzato a definire in maniera dettagliata e condivisa diritti e doveri nel rapporto tra istituzione scolastica autonoma, studenti e famiglie.
I singoli regolamenti di Istituto disciplinano le procedure di sottoscrizione nonché di elaborazione e revisione condivisa, del Patto educativo di corresponsabilità.
Nell’ambito delle prime due settimane di inizio delle attività didattiche, ciascuna istituzione scolastica pone in essere le iniziative più idonee per le opportune attività di accoglienza dei nuovi studenti, per la presentazione e la condivisione dello Statuto delle Studentesse e degli Studenti, del Piano dell’Offerta Formativa, dei Regolamenti di Istituto e del Patto Educativo di Corresponsabilità.

PARTE III.

FREQUENZA E ASSENZA DEGLI ALUNNI ALLE LEZIONI

Art.12 Frequenza delle lezioni (cfr. art. 3 comma 1 dello Statuto degli Studenti e Studentesse)

La frequenza delle lezioni è per gli alunni un diritto-dovere ed è pertanto obbligatoria. Durante le ore di lezione i docenti in orario possono autorizzare a uscire dall’aula un solo studente per volta, per breve tempo e per valide ragioni: la mancata partecipazione non autorizzata a singole lezioni viene segnalata alla famiglia e al consiglio di classe e ha rilevanza sulla formulazione della valutazione del comportamento.

Art. 13 Vigilanza sugli alunni:

1. da parte dei docenti
Per la vigilanza sugli alunni durante l’ingresso e permanenza nella scuola, nonché durante l’uscita dalla medesima, valgono le norme vigenti, a cui si affiancano le seguenti indicazioni:
Il personale docente dovrà trovarsi in classe (art.42 comma 5 del CCNL maggio 1999) 5 minuti prima dell’inizio delle lezioni.
La presenza degli alunni è obbligatoria, oltre che alle lezioni, a tutte le altre attività (ricerche culturali, lavori di gruppo, visite istruttive) che vengono svolte nell’orario scolastico, su proposta degli insegnanti, che se ne assumono la responsabilità a norma di legge. Le classi interessate sono accompagnate dai rispettivi insegnanti, che si sono fatti promotori dell’iniziativa. I problemi organizzativi, che derivano all’istituto, sono di competenza dell’autorità scolastica. Per gli studenti, se l’attività prevede l’uscita dalla sede scolastica, è necessaria l’autorizzazione dei genitori per i minorenni, la dichiarazione di essere a conoscenza dell’attività per i maggiorenni.
Durante l’intervallo delle lezioni il personale docente di turno, coadiuvato dal personale non docente, è responsabile del comportamento degli alunni e sorveglierà il corridoio o settore di atrio affidatogli in maniera da evitare che si arrechi pregiudizio alle persone e alle cose.
Gli operatori scolastici effettuano il servizio di vigilanza dei locali della scuola e, in casi di particolare necessità, degli alunni affidati alla loro sorveglianza.
Il regolare svolgimento delle assemblee studentesche di classe e di istituto è affidato alla cura del personale docente e non docente in servizio durante il loro svolgimento.
2. da parte dei collaboratori scolastici
Per la vigilanza sugli alunni durante l’ingresso e permanenza nella scuola, nonché durante l’uscita dalla medesima, valgono le norme vigenti, a cui si affiancano le seguenti indicazioni:
durante l’ingresso e l’intervallo delle lezioni il personale non docente coadiuverà il personale docente incaricato di sorvegliare il comportamento degli alunni e il corridoio o settore di atrio affidatogli in maniera da evitare che si arrechi pregiudizio alle persone e alle cose.
Gli operatori scolastici effettuano il servizio di vigilanza dei locali della scuola e, in casi di particolare necessità, degli alunni affidati alla loro sorveglianza.
Il regolare svolgimento delle assemblee studentesche di classe e di istituto è affidato oltre che alla cura del personale docente in servizio anche alla cura del personale non docente in servizio durante il loro svolgimento.

Art. 14 Giustificazioni delle assenze dei figli da parte dei genitori

I genitori degli alunni iscritti all’Istituto per la prima volta nel corrente anno scolastico dovranno ritirare personalmente il libretto presso lo sportello della segreteria e depositare la loro firma. Tutti i genitori firmeranno il libretto nell’apposito spazio. In caso di smarrimento del libretto personale, i genitori devono personalmente notificare in segreteria la perdita e ritirare e controfirmare il libretto nuovo. La sostituzione del libretto con uno nuovo a causa di smarrimento o deterioramento, richiede la presenza del genitore, consigliata anche per gli studenti maggiorenni. Gli studenti minorenni devono far apporre sul libretto la firma da uno dei genitori o da chi ne esercita le veci. Gli allievi maggiorenni,in possesso della capacità di agire (cfr. Legge 8 marzo 1975, n 791), possono giustificare apponendo la loro firma sul libretto. E' cura degli allievi e delle famiglie tenere integro e compilato in ogni sua parte, evitando correzioni ed abrasioni, il libretto delle giustificazioni ed è cura degli insegnanti richiedere e verificare l'integrità di detto libretto.

Le proposte di giustificazione delle assenze, presentate per iscritto dai genitori (o dallo studente, se maggiorenne), sull’apposito libretto personale, saranno accettate dal docente della prima ora in servizio nella classe o dal Dirigente (o da un suo delegato) in caso di entrate posticipate o di uscite anticipate. Per l’accettazione di giustificazioni riguardanti assenze superiori ai cinque giorni dovute a motivi di salute la Direzione Generale Sanità e Politiche Sociali per l’integrazione della Regione Emilia-Romagna ha diffuso la nota prot. 347052 del 30 luglio 2015 per informare sui contenuti della Legge Regionale 16 luglio 2015 n. 9 art. 36 inerente la semplificazione delle certificazioni sanitarie in materia di tutela della salute in ambito scolastico. In particolare si cita: “ … non vi è più l’obbligo di certificazione medica per assenza scolastica superiore a cinque giorni, compresi i casi di assenza per malattia infettiva …”. La circolare è reperibile al link: http://ww2.istruzioneer.it/2015/07/31/regione-emilia-romagna-nuove-norme-sulla-semplificazione-delle-certificazioni-sanitarie-in-materia-di-tutela-della-salute-in-ambito-scolastico/.
Gli alunni minorenni potranno uscire anticipatamente da scuola solo se prelevati da un genitore o da persona delegata con firma depositata in segreteria.

Qualora per validi motivi uno studente avesse necessità di ripetere entrate, uscite o assenze ciclicamente (ad es. per terapia medica), è sufficiente prendere contatti con la Dirigenza un’unica volta, prescindendo così dal limite di permessi indicato per la notifica. Il motivo dell'assenza non deve essere evasivo ma chiaro e sintetico. Tutte le operazioni giustificative devono essere trascritte sul registro di classe dall'insegnante presente in classe.

Ai genitori si chiede di collaborare con la scuola nel perseguimento degli obiettivi cognitivi e formativi, anche visionando periodicamente il libretto delle assenze e intervenendo ai ricevimenti con i docenti, sia a quelli mattutini settimanali, che a quelli generali pomeridiani.

All’inizio di ogni anno scolastico, ciascun docente comunica al collaboratore del preside e,contestualmente, ai propri studenti, l’ora settimanale e le modalità con cui desidera effettuare il ricevimento. L’elenco dei docenti con il rispettivo orario viene affisso in sala docenti, dove avvengono tali incontri. Inoltre sono previsti due incontri pomeridiani tra docenti e genitori nei mesi di dicembre e aprile.

Art. 15 Annotazione delle giustificazioni delle assenze degli alunni da parte dei docenti

Le assenze degli alunni sono registrate dai professori della 1ª ora , giorno per giorno, sul giornale di classe. Nel caso l’allievo dimentichi la giustificazione, l’insegnante della prima ora lo ammette in classe, segnando sul registro di classe che la giustificazione deve essere presentata il giorno seguente. Se il giorno successivo lo studente in questione non giustificherà, l’insegnante della prima ora annoterà ancora la necessità di giustificare. Le assenze ingiustificate incidono sulla valutazione del comportamento. Il ripetersi di assenze e/o di ritardi non motivati, nonché motivati in modo impreciso e con una frequenza tale da poterli ritenere indicativi di scarso impegno e scarsa motivazione all'attività didattica incidono sulla valutazione del comportamento. Per tali comportamenti il Consiglio di classe può, inoltre, infliggere la sanzione dell'esclusione dal viaggio d'istruzione.

Il docente coordinatore del Consiglio Classe provvede mensilmente al controllo delle assenze giustificate e ad avvertire le famiglie in caso di assenze non giustificate, di assenze prolungate o di numerose assenze saltuarie.

Art. 16 Ritardi di singoli allievi e loro giustificazione

Gli allievi in ritardo sull’inizio della prima ora di lezione sono ammessi dall’insegnante in orario, con un margine di tolleranza fino alle ore 8.00; gli studenti sopraggiunti dopo tale ora sono considerati in ritardo e dovranno giustificare il giorno successivo. Dopo il terzo ritardo (entrata oltre le 8.00), dovrà essere inoltrata comunicazione alla famiglia attraverso le annotazioni del registro elettronico; in caso di reiterazione del ritardo verrà comminata nota disciplinare.  In caso di ingresso alla seconda o (in casi eccezionali) alla terza ora, gli alunni sono ammessi in classe previa giustificazione da parte di uno dei genitori o dell’alunno stesso, se maggiorenne.

Art. 17 Uscite anticipate di singoli allievi

La Dirigenza può autorizzare i singoli alunni a lasciare la scuola prima del termine delle lezioni esclusivamente per casi straordinari e gravi. Tale uscita anticipata sarà annotata sul registro a cura dell’insegnante in orario. Gli alunni maggiorenni potranno lasciare autonomamente la scuola, mentre i minorenni dovranno essere prelevati da uno dei genitori o da persona delegata.
Il numero delle uscite anticipate per alunno sarà monitorato dalla Dirigenza e dal Coordinatore del Consiglio di Classe, che, in caso di uscite anticipate ripetute, segnalerà il fatto alla famiglia.

Art. 17 Bis  (Delibera n°1673/2 del 19.10.2012)

Agli studenti non è consentita l'uscita anticipata nelle due ultime ore di lezione se non in presenza di adeguate motivazioni da presentare all'insegnante dell'ora interessata che firmerà la richiesta. Quando la richiesta di uscita proviene da uno studente maggiorenne la firma del docente sostituisce la firma del responsabile di sede sul libretto.

Art. 18 Entrate posticipate o uscite anticipate di intere classi

La Dirigenza può autorizzare per iscritto e in casi eccezionali l’intera classe all’entrata posticipata o all’uscita anticipata. L’entrata posticipata o l’uscita anticipata sarà comunicata alle famiglie degli studenti minorenni con almeno un giorno di anticipo mediante avviso scritto, allo scopo di assicurare la tempestiva comunicazione alle famiglie. Agli studenti maggiorenni l’uscita anticipata potrà essere concessa anche senza preavviso.

Art. 19 Astensioni collettive dalle lezioni

Gli studenti assenti che non si presentano alle lezioni per adesione a forme di manifestazioni (c.d. sciopero) o per astensione collettiva dovranno presentare il giorno successivo dichiarazione del genitore sul libretto, nella quale risulti che i genitori sono a conoscenza dell’astensione dalle lezioni del proprio figlio.

Art. 19 bis (Delibera n° 1709/2 del 07.05.2013)

L'assenza collettiva del gruppo classe, o di parte consistente di esso, per uno o più giorni consecutivi viene considerata impedimento volontario e non giustificato al regolare svolgimento delle lezioni e, pertanto, concorre alla definizione del voto di condotta di ogni singolo studente.

Art. 20 Esonero dalle attività sportive

Gli alunni esonerati totalmente o parzialmente dalle attività sportive devono comunque presenziare e partecipare alle lezioni di educazione fisica, limitatamente a quegli aspetti non incompatibili con le particolari condizioni soggettive. In sede di scrutinio essi riceveranno la valutazione per la parte teorica della materia.
L’esonero temporaneo o annuale dagli esercizi di educazione fisica è concesso solo per motivi di salute. A tal fine deve essere presentata la seguente documentazione: 1)domanda in carta semplice indirizzata al Dirigente e firmata da un genitore; 2) certificato del medico attestante il motivo di salute, le attività sportive dalle quali l’allievo deve essere esonerato e la durata dell’esonero stesso. Il certificato medico può essere rilasciato dal medico di famiglia o da uno specialista del Servizio sanitario nazionale.

Parte IV

COMUNICAZIONI SCUOLA-FAMIGLIA

La formazione e l’educazione sono processi complessi e continui che richiedono la cooperazione dello studente, della famiglia e dell’intera comunità scolastica.
Il rapporto scuola-studente-famiglia costituisce il fondamento che sostiene l’impegno formativo ed educativo. Per la promozione e lo sviluppo di tale rapporto sono chiamati a collaborare i genitori, gli studenti, i docenti.
La scuola:
offre colloqui settimanali antimeridiani famiglie – docenti;
organizza colloqui pomeridiani, uno durante il primo e uno durante il secondo quadrimestre;
offre uno strumento informatico, che permette a tutti i genitori di monitorare le assenze degli alunni;
Altre modalità di comunicazione con studenti e genitori possono avvenire attraverso:
a) lettere circolari lette in classe agli studenti; b) lettere circolari consegnate agli studenti;
c) lettere con tagliando di ritorno, consegnate a mano tramite gli studenti, (relative a: apprendimenti, attività formative, educative ed integrative, attività extracurricolari, elezioni, ecc.); d) avvisi d'ufficio tramite posta in tutti i casi nei quali la scuola ritenga opportuno non affidare la comunicazione all'alunno; e) comunicazioni telefoniche;f) comunicazioni via email; g) per appuntamento con Docenti e Dirigente.
I genitori:
mantengono il contatto con i rappresentanti del Consiglio di classe e del Consiglio d’istituto: sono queste le sedi per fare proposte e per sottoporre ai docenti e alla scuola le questioni che emergono;
si recano con regolarità ai colloqui con i docenti per aver sempre un’idea chiara della situazione scolastica del proprio figlio;
controllano le assenze del proprio figlio sul sito;
si preoccupano che le giustificazioni di assenze e ritardi siano tempestive e complete;
controllano con regolarità le comunicazioni e gli avvisi affidati allo studente, verificando eventuali richieste straordinarie di colloquio da parte dei docenti;
non esitano a segnalare ai docenti e al coordinatore di classe qualunque problema che possa insorgere, nel corso dell’anno, al proprio figlio;
informano il coordinatore di classe in caso di assenze prolungate dello studente, per qualunque motivo esse siano dovute.
Gli studenti
prendono atto degli avvisi e delle circolari ne comunicano il contenuto ai propri genitori ai quali riferiscono anche dei risultati delle verifiche;
sono, insieme ai genitori, corresponsabili della tenuta del libretto delle assenze, della regolarità delle firme e della completezza della sua compilazione;
si preoccupano di consegnare puntualmente le giustificazioni per ritardi ed assenze;
informano i genitori di eventuali variazioni di orario e di eventuali improvvise variazioni nell’orario di ricevimento dei docenti;
si impegnano a riconsegnare puntualmente alla scuola avvisi firmati, comunicazioni,documento di valutazione.

Assenze, monitoraggio

I genitori hanno a disposizione un sistema informatico per visionare tempestivamente le assenze dei figli. È responsabilità dei docenti il controllo delle giustificazioni e la verbalizzazione sul diario di classe; è responsabilità dei genitori e degli studenti la puntualità nella consegna delle giustificazioni di tutte le assenze e dei ritardi e il controllo delle stesse sul libretto dello studente.

Interventi di recupero durante l’anno scolastico

Durante l’anno la scuola attiva degli interventi per il recupero delle carenze del primo periodo, così come sono emerse dalle riunioni dei Consigli di classe e dagli scrutini. In caso di interventi di recupero in orario pomeridiano le famiglie ricevono, per il tramite del proprio figlio, un avviso che firmano e restituiscono alla scuola, dichiarando se intendono o meno avvalersi degli interventi di recupero. La dichiarazione affermativa equivale all’iscrizione dello studente al corso pomeridiano, la cui frequenza è obbligatoria: in caso di assenza lo studente è tenuto a fornire giustificazione (gli interventi di recupero pomeridiano hanno un costo per l’Istituzione scolastica ed è bene che lo studente, iscritto al corso, lo frequenti con regolarità).

Al termine del periodo di recupero i docenti incaricati dello stesso compilano una scheda riassuntiva degli interventi svolti, della partecipazione dello studente e degli esiti; questa scheda è consegnata, per il tramite degli studenti, alle famiglie che la firmano e la riconsegnano alla scuola.

Documento di valutazione

Al termine del primo quadrimestre il coordinatore consegna, per il tramite degli studenti, il documento di valutazione, che deve essere restituito alla scuola dopo essere stato firmato dai genitori o dagli alunni maggiorenni.

Al termine del secondo quadrimestre i risultati sono affissi in una o in entrambe le sedi della scuola come da comunicazione contestuale; in caso di sospensione del giudizio di ammissione o di esito negativo i genitori sono ricevuti dai docenti e/o dal coordinatore di classe che consegnano loro una scheda con la valutazione di tutte le discipline. In caso di non ammissione alla classe successiva la scuola avvisa telefonicamente la famiglia.

Colloqui

I colloqui sono un momento fondamentale della relazione scuola-famiglia.
I docenti settimanalmente ricevono i genitori secondo l’orario consultabile sul sito della scuola e affisso nella bacheca delle due sedi.
Due volte l’anno i docenti ricevono i genitori nel pomeriggio. Di questi ricevimenti è data comunicazione sul sito della scuola e tramite circolare che gli studenti riportano sul libretto.

SISTEMA INFORMATICO

Permette alle famiglie di consultare i dati relativi al proprio figlio: assenze e valutazioni di primo e secondo quadrimestre. La data di pubblicazione dei risultati quadrimestrali è comunicata di volta in volta dalla scuola. La pubblicazione dei dati delle assenze avviene regolarmente con una frequenza approssimativamente settimanale.

Alla prima iscrizione al Liceo, la scuola, per il tramite degli studenti, fornisce ai genitori le credenziali (user id e password) per accedere al sistema e ai dati del proprio figlio. Viene anche fornito uno schema di procedura di accesso.

 

Indice

Principi generali

1. Libertà di espressione e di assemblea degli studenti e dei genitori

2. Comportamento degli studenti nell’Istituto

3. Frequenza e assenza degli alunni alle lezioni

4. Comunicazioni scuola- famiglia

REGOLAMENTO RELATIVO A VISITE GUIDATE/ VIAGGI D’ ISTRUZIONE/ SCAMBI CULTURALI/ STAGES

FINALITA’

Le visite guidate e i viaggi d’istruzione, compresi quelli per attività sportive, sono esperienze d’apprendimento, funzionali agli obiettivi formativi e cognitivi indicati nel P.O.F. e definiti dai Consigli di classe. Vengono deliberati nell'ambito delle norme generali
stabilite dal Collegio docenti e dal Consiglio d'Istituto.
Le attività motorie possono essere svolte, senza necessità di particolari autorizzazioni, fuori sede per svolgimento di gare, tornei o manifestazioni sportive in genere, all’interno di palestre messe a disposizione dell'Istituto, in piscina ed anche all'aperto in luoghi scelti
dall'insegnante della disciplina. Di tali attività sportive fuori sede verrà data preventiva informazione alla Dirigenza.
Approvazione: I viaggi d’istruzione e le visite guidate devono essere sottoposti all’approvazione del Consiglio di classe unitamente alla programmazione annuale. Il piano annuale dei viaggi e delle visite (in linea di massima anche per lo stage), con delibera dei Consigli di Classe, dovrà essere approvato dal Consiglio d’Istituto entro il 31 gennaio di ogni anno.
Il Consiglio d’Istituto può concedere necessarie deroghe relative al termine di consegna del piano-viaggi ed ai criteri di organizzazione dei viaggi.
Durata: Classi Prime: max 2 giorni (1 notte) Classi Seconde: max 2 giorni (1 notte) Classi Terze: max 3 giorni (2 notti) Classi Quarte: max 4 giorni (3 notti) Classi Quinte: max 6 giorni (5 notti)
Per quanto riguarda gli Scambi Educativi con l’Estero, si fa riferimento dalla C.M. 358 prot.n°.3793/36-3 del 23/07/1996. Potrà essere organizzata la realizzazione in sede e la partecipazione all’estero a meeting internazionali o ad iniziative culturali (anche diversamente denominate) che si colleghino a progetti didattico-educativi collegialmente approvati (Consiglio di Classe, Collegio Docenti e Consiglio d’Istituto) ai quali partecipi la scuola.
Per tali iniziative sarà previsto un docente accompagnatore ogni dieci/quindici alunni,comunque non meno di due. La durata delle iniziative sarà valutata ed approvata caso per caso.
Partecipanti: al viaggio di istruzione dovrà partecipare come minimo il 66% degli allievi della classe. La scuola assicura comunque l’attività didattica ai non partecipanti che sono pertanto tenuti a frequentare le lezioni. Per gli alunni che non partecipano al viaggio culturale,s’ipotizza, da parte del docente organizzatore e del Consiglio di classe un programma didattico che può includere attività di recupero, partecipazione a corsi paralleli.
I periodi di attuazione delle visite e dei viaggi non potranno avvenire nei periodi immediatamente precedenti la vacanze di Natale e di Pasqua e non oltre il 10 maggio.
I viaggi dovranno possibilmente essere organizzati con pernottamento, prima colazione e cena in albergo.
In caso di stages linguistici o attività formative connesse con lo studio delle lingue non si dovrà tener conto del limite di adesione dei 2/3 per classe ma , dei 2/3 del numero complessivo degli studenti coinvolti, e comunque il numero di adesioni per classe non dovrà essere inferiore al 50% degli studenti. (Delibera n°1679/8 del 19.10.2012)
Esclusioni. E' possibile l'esclusione degli allievi a carico dei quali siano stati adottati provvedimenti disciplinari, o che abbiano superato il 30% delle assenze nel quadrimestre,o abbiano cessato di fatto la frequenza al momento della partenza. La decisione spetterà al Consiglio di classe, su proposta della Presidenza e/o della commissione viaggi d'istruzione.
Docenti accompagnatori: il/i docente/i accompagnatore/i dovrà/anno far parte del consiglio di classe, salvo casi di urgenza o necessità. Per la buona riuscita dell'iniziativa,deve esserci almeno un accompagnatore per ogni gruppo classe. Il viaggio d'istruzione deve rientrare nella programmazione didattica di almeno un docente del Consiglio di classe, deve essere inserito nella programmazione educativa del Consiglio di classe e adeguatamente organizzato durante le ore di lezione.
Il docente accompagnatore è indicato dal Consiglio di classe e individuato dal Dirigente fra i docenti disponibili. Ogni docente accompagnatore dovrà essere in possesso di copertura assicurativa di responsabilità civile verso terzi ed infortuni (nella forma stipulata dall'Istituto o personale - purché equipollente).
Sarà previsto un accompagnatore ogni dieci/quindici alunni. Ogni insegnante parteciperà di norma ad un solo viaggio di istruzione, salvo casi di necessità o/e urgenza.
Mete: le proposte sulle mete e le finalità del viaggio saranno presentate per iscritto al Coordinatore della Commissione viaggi d’istruzione dai rispettivi Coordinatori di classe entro il 15 novembre. Sarà compito della Commissione vagliare le proposte presentate o elaborarne altre che tutelino le esigenze di tutte le classi. In caso non pervengano indicazioni dai Coordinatori di classe entro la data stabilita, il Consiglio di classe avrà l'opportunità di scegliere tra le mete indicate dalla commissione viaggi. E’ preferibile creare gruppi di studenti numericamente consistenti per mantenere il più contenuto possibile il costo individuale dell'iniziativa.
Occorrerà far sì che il numero totale degli studenti partecipanti sia prossimo ad un multiplo di 15 e che comunque i gruppi non superino le 60 unità, per fare in modo che il viaggio sia realmente di istruzione e sia gestibile, sia dal punto di vista didattico che da quello organizzativo.
Comportamento: durante il viaggio d'istruzione gli allievi sono soggetti a tutti gli effetti alle medesime regole di comportamento da osservare all’interno dell’Istituto. Comportamenti scorretti verranno sanzionati, secondo il regolamento, al rientro.
L’effettuazione dei viaggi d’istruzione avverrà evitando, di norma, la concomitanza con gli impegni collegiali comunicati dalla Dirigenza, all’inizio di ciascun anno scolastico.
Il giorno successivo al rientro da un viaggio d’istruzione o da uno scambio con l’estero non andranno effettuate verifiche orali o scritte.
La scelta dell’Agenzia organizzatrice sarà effettuata dalla Commissione viaggi dell’Istituto nell’ambito di quelle inserite nell’Albo delle agenzie accreditate che rispettino tutte le norme di legge, alle quali la Segreteria chiederà il preventivo di spesa.
La Commissione viaggi avrà cura di far pervenire in Segreteria la seguente documentazione con congruo anticipo:
- il preventivo di spesa dell’Agenzia prescelta (da effettuarsi dalla Segreteria);
- le dichiarazioni di consenso delle famiglie;
- la ricevuta dell'avvenuto versamento sul c/c della scuola;
Il Docente organizzatore presenterà:
- l'elenco nominativo degli alunni e quello degli ulteriori accompagnatori;
- il programma analitico del viaggio
II Docente organizzatore, al termine del viaggio, avrà cura di stilare la relazione finale.
Versamenti
Per motivi organizzativi gli alunni dovranno provvedere individualmente al pagamento mediante versamento sul c/c della scuola e consegnare la ricevuta al docente organizzatore per i viaggi all’estero è necessario effettuare il versamento del 50% della
quota immediatamente dopo la firma del modulo di adesione.
Quota di partecipazione
La quota di partecipazione deve poter coprire anche i costi di vitto,alloggio,viaggio e diaria dei docenti accompagnatori. I docenti accompagnatori potranno prendere provvedimenti di natura disciplinare.
Per gli alunni che non possano coprire tutta la quota di partecipazione è previsto l’intervento del fondo del bilancio della scuola ( su richiesta).